Come scrivere un incipit? Nel mondo della letteratura, la prima impressione conta. Proprio come formiamo i primi giudizi sulle persone pochi secondi dopo averle incontrate, i lettori valutano un libro dalle prime righe. È qui che l’incipit diventa protagonista, esso è più di un semplice inizio: è l’ouverture della narrazione.

Prepara il terreno, introduce i personaggi e sussurra la promessa di avventure o drammi a venire. In questo articolo cercheremo di offrirti consigli utili su come scrivere un incipit, approfondiremo il ruolo dell’incipit nello storytelling, esploreremo gli elementi chiave di un’apertura forte e ti forniremo consigli ed esempi per crearne una che affascini i tuoi lettori dalla prima parola all’ultima pagina.

Come scrivere un incipit avvincente

  • 1. L’importanza del tono: Il tono utilizzato sin dalle prime righe permette al lettore di capire il mondo nel quale si sta addentrando. Si tratta di una fiaba stravagante, una tragedia straziante, un mistero elettrizzante o un’avventura fantascientifica? La prima sfumatura presentata dall’incipit suggerisce ciò che verrà, attirando i lettori nella giusta mentalità;
  • 2. La presentazione dei personaggi: nelle prime righe di apertura, i personaggi potrebbero fare il loro debutto. L’incipit li presenta, offrendo uno sguardo sulle loro vite o personalità. È una prima conoscenza del mondo che popola il tuo racconto.
  • 3. Creare intrigo: questo è forse il compito più importante dell’incipit: accendere l’interesse. Nelle prime righe di un libro spesso sono gettate le basi per il problema centrale o la sfida che i personaggi dovranno affrontare; pianta i semi della curiosità nella mente del lettore, spingendolo a scoprire la soluzione.

Come scrivere un incipit, esempi famosi

Vediamo alcuni esempi, consideriamo l’inizio di “Orgoglio e pregiudizio” di Jane Austen: “È una verità universalmente riconosciuta che un uomo scapolo in possesso di una buona fortuna deve essere alla ricerca di una moglie“. Con questo incipit, Austen non solo dà il tono a uno spiritoso commento sociale, ma introduce anche il concetto di matrimonio come tema centrale.

Oppure, la famosissima apertura di Melville in “Moby Dick”: “Chiamatemi Ismaele”. Questo è uno degli incipit più iconici della letteratura; è conciso e coinvolge immediatamente il lettore creando un senso di intimità. L’uso della voce narrante in prima persona invita i lettori nella storia, facendoli sentire come se fossero interpellati direttamente dal protagonista.

O ancora, l’incipit di Orwell in “1984”: “Era una fresca limpida giornata d’aprile e gli orologi segnavano l’una. Winston Smith, col mento sprofondato nel bavero del cappotto per non esporlo al rigore del vento, scivolò lento fra i battenti di vetro dell’ingresso agli Appartamenti della Vittoria, ma non tanto lesto da impedire che una folata di polvere e sabbia entrasse con lui”.
Da queste prime righe traspare l’aurea distopica e misteriosa che avvolge tutto il capolavoro dell’autore, la personalità schiva del protagonista ed il conflitto centrale dell’opera.

Se davvero avete voglia di sentire questa storia, magari vorrete sapere prima di tutto dove sono nato e com’è stata la mia infanzia schifa e che cosa facevano i miei genitori e compagnia bella prima che arrivassi io, e tutte quelle baggianate alla David Copperfield, ma a me non va proprio di parlarne”, queste sono le prime parole di Salinger ne “Il Giovane Holden”.
Il tono di questo incipit connette da subito il lettore con il travagliato mondo interiore del protagonista, con le sue sofferenze e la sua personalità mordace. La narrazione in prima persona rende immediatamente visibili le sfumature della storia che stiamo per leggere.

Come scrivere un incipit, conclusioni

Quindi, cosa abbiamo imparato su come scrivere un incipit perfetto? Un’apertura forte è quella che attira il lettore con un approccio seducente, suscita curiosità con domande avvincenti e offre uno scorcio del viaggio a venire. Ci accoglie nell’universo della storia, rendendoci partecipi delle avventure o delle prove dei personaggi.

Se ti chiedi come scrivere un incipit, ricorda gli elementi chiave che abbiamo esplorato: l’importanza di un tono ben definito, la presentazione dei personaggi, l’introduzione del tema centrale e il fascino dell’intrigo. Con questi strumenti a tua disposizione, possa il tuo incipit essere un capolavoro che rimanga impresso al tuo pubblico molto tempo dopo aver voltato l’ultima pagina.
Buona scrittura e che i tuoi inizi siano brillanti come quelli delle storie che abbiamo riportato!


Qui puoi leggere altri post che ti aiutano nella scrittura.

Condividi